Un sabato sera al ristorante cinese

Sabato scorso con la mia comitiva siamo andati al ristorante cinese. Era un grande ristorante pieno di gente. Alcuni conoscenti che c’erano già stati ci hanno detto che il cibo cinese cucinato e servito lì era ottimo. In effetti poi ne ho avuto la conferma.

Siamo arrivati sul posto, abbiamo parcheggiato la macchina nelle vicinanze e ci siamo diretti a piedi verso il ristorante cinese. Siamo entrati e una musica soffusa cinese ci ha accolto insieme al brusio dei clienti.
La giovane cameriera cinese, rigorosamente in abiti tradizionali, ci ha salutato come vuole la tradizione e ci ha accompagnato nel tavolo che avevamo prenotato già dal pomeriggio.

Abbiamo iniziato a sfogliare il menù. C’era un’ampia possibilità di scelta.
Abbiamo optato per mangiare un po’ di piatti diversi, assaggiando ognuno un po’ tutte le cose.
Se consideriamo che la nostra comitiva quella sera era formata da 6 persone tra uomini e donne, ci servivano comunque delle portate in grado di sfamarci più o meno tutti.

Abbiamo ordinato dunque i classici involtini primavera. Quelli non potevano mancare come antipasto.
Abbiamo poi preso i ravioli di verdure che sono cotti tradizionalmente su una piastra a vapore. Devo dire che erano molto buoni.
Poi ci siamo sbizzarriti con un po’ di maiale in agrodolce e pollo alle mandorle.
Infine abbiamo preso qualche gamberetto fritto.
Abbiamo chiuso il tutto col tipico gelato cinese che io ero un po’ restio a mangiare. Il gelato fritto. Si è dimostrato essere buono.
Per mandare giù per bene ogni boccone abbiamo accompagnato la cena con un po’ di birra. Rigorosamente cinese anche quella. E non poteva essere diversamente. Oltre all’acqua, ovviamente che non fa mai male e ci sta sempre bene.
Abbiamo concluso il banchetto con un caffè per non dimenticare la nostra tradizione italiana.
Insieme al caffè ci hanno portato, offerti dalla casa, i biscotti della fortuna cinesi.
Nel biglietto che ho trovato all’interno del mio biscotto c’era scritto: “Un viaggio inaspettato con una persona simpatica sta per avvenire”.
Vabbè. Non mi è mai venuto in mente di dar retta ai messaggi dei biscotti.

Finite tutte le portate ordinate, divorata ogni mollica e bevuto il caffè ci siamo alzati e siamo andati a pagare il conto. Un conto affatto salato e molto conveniente. Sono rimasto molto sorpreso in positivo.
Guardando bene le porzioni non erano affatto esagerate, però assaggiare un po’ di tutto, tra fritti, carne e cose varie, è stato molto soddisfacente e mi ha permesso di mettere fine alla mia fame in maniera degna ed ottima. Mi sentivo pieno, ma non eccessivamente. Il giusto, come dovrebbe essere.

Ho faticato un poco a digerire gli involtini primavera.

Ma devo dire che andare a cena in questo ristorante cinese, così, tanto per variare e soddisfare la curiosità di assaggiare nuove cucine, ne è valsa proprio la pena.
Ci tornerò di sicuro.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *